RELAZIONE ANNUALE ATTIVITA’ 2020

 

Carissimi soci,

nel corso del 2020 è proseguita la situazione di profonda instabilità presente oramai da anni in Mali e, a causa di ciò, abbiamo dovuto confermare la decisione di non effettuare viaggi.

E' di questi giorni la notizia che in Mali è avvenuto un altro colpo di stato ad opera dei militari che erano già intervenuti una prima volta per deporre il governo in carica.

Il colonnello Assimi Goita ha dichiarato che manterrà la Presidenza della Repubblica del Mali fino all'organizzazione delle future elezioni previste in marzo 2022.

In questa situazione di estrema fragilità istituzionale, a differenza del primo golpe, è stato deciso da parte della comunità economica degli stati dell'Africa Occidentale e dell'Unione Africana di non imporre per il momento nuove sanzioni economiche  che avrebbero dato il colpo definitivo ad un Paese già stremato.

Siamo riusciti, nonostante queste difficoltà, a mantenere i contatti con le realtà a noi vicine anche se, come abbiamo affermato più volte, l'impossibilità di verificare in loco i progetti in corso diventa sempre più insostenibile.

La situazione in Mali si è ulteriormente aggravata a causa di frequenti incursioni operate da gruppi estremistici che hanno purtroppo colpito anche i villaggi dogon dove operiamo.

Nonostante il perdurare di questa situazione siamo riusciti anche nel 2020 a mantenere fede agli impegni che ci eravamo assunti con i villaggi e a immaginare nuove possibili vie da percorrere per mantenere la possibilità di proseguire la realizzazione dei progetti già preventivati.

Sul versante finanziario nell’anno 2020, come deciso dall'assemblea annuale dell'anno precedente, abbiamo iniziato ad investire i fondi a disposizione dell'Associazione nei progetti che avevamo ipotizzato e a concludere il finanziamento degli investimenti già in corso.

Nel corso del 2020 abbiamo finanziato i seguenti progetti: terza e ultima tranche relativa alla costruzione della scuola media di Kani Kombolè e consegna definitiva dell'infermeria nel villaggio di Telly (comune di Kani Bonzon); continuazione del progetto di sostegno scolastico alle scuole di Tin Tam (comune di Borko);

inizio costruzione della Casa delle Donne a Bandiagara; donazione alla Onlus Musoco per l'acquisto di un congelatore da istallare nel villaggio di Keur Bakar in Senagal.

Inoltre, in occasione dell'incursione di truppe jadiste nei villaggi che abbiamo sempre sostenuto e che ha provocato distruzioni e morti, abbiamo deciso stanziamenti straordinari per far fronte a questa emergenza.

Un capitolo a parte merita lo sforzo dell'associazione per cercare di fornire aiuti in occasione della crisi pandemica che ha investito l'intero pianeta nel corso del 2020: la decisione di aiutare organizzazioni che anche in Italia si sono adoperate per arginare questa emergenza è stata portata a termine dopo un ampio dibattito che ha coinvolto tutti i soci con donazioni a favore di Emergency e della Casa della Carità di Milano.  In totale nel corso dell'anno 2020 sono stati spesi circa 53.000 euro.

Le entrate ordinarie, tenuto conto che l'emergenza coronavirus ha impedito lo svolgersi di qualsiasi iniziativa, sono state di circa 10.000 euro.

L'odierna assemblea annuale dei soci è chiamata oggi ad approvare il bilancio consuntivo 2020, il bilancio preventivo 2021, l'elenco degli iscritti all'Associazione nel 2020 e le quote di iscrizione per l'anno 2021, la destinazione dei fondi ricevuti in corso d'anno per il 5 per mille.

I progetti di intercultura fra le scuole varesine e maliane e quello da realizzare insieme alle associazioni di Rete Mali per la gestione del camion sanitario hanno avuto nel corso del 2020 una battuta d'arresto.

Quando decidiamo di intraprendere un nuovo progetto cerchiamo di raggiungere sempre, qualche volta con successo altre volte meno,  quelli che sono i nostri obiettivi:

  •  Attivazione di progetti di raccolta e sfruttamento delle riserve idriche per uso agricolo e alimentare.

  •  Costruzione di una scuola che permetta di promuovere l'educazione di base per i bambini e la crescita  culturale dell'intera popolazione coinvolta valorizzando la propria identità e cultura.

  •  La promozione dello sviluppo di un servizio sanitario attraverso la formazione di personale locale.

  •  La promozione di progetti di autosostenibilità.

 

Distinguiamo i nostri progetti col nome della località dove operiamo:

In Mali con quattro progetti nei Paesi Dogon:

punto elenco

Progetto Comune di Kani Bonzon: dispensario/infermeria di Telly e scuola media nel villaggio di Kani Kombolè

punto elenco

Progetto sostegno scolastico al villaggio di Tin Tam

punto elenco

Progetto Sogodougou

punto elenco

Progetto "Casa delle Donne"

In Italia con un progetto:

punto elenco

Progetto Scuole Varesine di sostegno all'intercultura

SITO INTERNET,  CALENDARIO E INIZIATIVE

Referente: Natale Rimoldi

Il sito dell’Associazione è stato aggiornato con testi e foto relativi ai vari progetti.

Si raccomanda comunque a tutti i referenti di trasmettere gli aggiornamenti sui singoli progetti.

Nel corso del 2020 è stato approntato da Natale Rimoldi il calendario 2021 che ha avuto, nonostante le difficoltà imposte dal periodo pandemico, un buon riscontro di diffusione e che è stato un buon mezzo per raccogliere le donazioni dei nostri simpatizzanti.

PROGETTI DA REALIZZARE NEL CORSO DELL'ANNO 2021

punto elenco

  Prosecuzione dei progetti relativi a Tin Tam.

punto elenco

Particolare attenzione alle problematiche di aiuto alimentare e sanitario.

punto elenco

Costruzione della casa delle donne.

Molti passi sono stati già compiuti ma si tratta ora, nel corso del 2021, di avviare e di portare a compimento questi progetti: dovremo avere massima cura nell’individuare i responsabili dei singoli progetti che avranno il compito di raccogliere tutta la documentazione necessaria, i preventivi e di seguire lo sviluppo degli interventi sempre sottoponendo al Consiglio Direttivo l’approvazione di tutti i passaggi necessari.

In particolare si tratterà di portare a termine tutte le problematiche relative alla costruzione della casa delle donne e di avviare tutte le procedure necessarie per poterne realizzare la costruzione. Dovrà essere altresì seguita la costruzione dell'abitazione degli insegnanti nel villaggio di Tin Tan.

 

 

 
 
 
 
 
 
Il cibo
L'acqua
L'istruzione
La sanità
Il lavoro

HomeChi siamoCome operiamoI nostri progettiPaesi DogonInterculturaIniziativeSostieniciArchivioComunicazioniContatti